Visitare le città vicino a B&B La Fossa

Con una gita in macchina di circa un’oretta si può programmare una visita ad alcune interessanti città ricche di storia e fascino. Potrà essere un’ottima alternativa alle giornate dedicate al relax e alla natura intorno al B&B La Fossa.

Le distanze dalle città più vicine

  • Castelnovo ne’Monti 18km
  • Reggio Emilia: 50 km
  • Parma: 50 km
  • Milano: 180 km
  • Modena: 85 km
  • Verona: 173 km
  • Cinque Terre 102 km
  • Firenze: 216 km

Castelnovo ne’Monti

Da non perdere a Castelnovo ne’Monti

  • La pietra di Bismantova
  • I Gessi Triassici
  • Una camminata nel piccolo centro storico

Reggio nell’Emilia

La città è incentrata sull’antica Via Emilia, l’antica via romana consolare realizzata tra il 187 e il 175 a.C a collegamento delle città di Rimini e Piacenza. Il suo centro storico è racchiuso entro quella che era la forma esagonale delle sue mura. Reggio Emilia è una città d’arte con una forte tradizione culturale e storica. Dal punto di vista architettonico il suo aspetto appare stratificato e vi si intrecciano l’impianto romano, i simboli della città medievale con infine le sovrapposizioni rinascimentali, barocche e neoclassiche. Rappresenta dunque una città dai molteplici aspetti che va scoperta a passi lenti e con attenzione.

Indicazioni stradali

Da non perdere a Reggio Emilia

  • Una passeggiata lungo la Via Emilia: oggi ricca di negozi e palazzi ottocenteschi. E’ la strada di rappresentanza e il cuore commerciale della città. Sono circa 1400 m di percorso rettilineo al cui centro si trova la Piazza del Monte (o Piazza Cesare Battisti). Con passo lento, nelle vie laterali si possono intravvedere gli antichi quartieri del ghetto ebraico.
  • La visita a Piazza Prampolini (detta anche dai cittadini Piazza Grande) sulla quale si affaccia la Cattedrale, il Palazzo vescovile e il Battistero. Sugli altri lati dominano diversi edifici storici: il Palazzo del Capitano del Popolo (oggi sede dell’Hotel Posta) e il Palazzo del Comune. All’interno del palazzo del Comune, nella Sala del tricolore, vi è un piccolo Museo: la bandiera italiana nel 1797 venne qui adottata come simbolo della Repubblica Cispadana e questo piccolo museo ricorda quell’avvenimento.
  • Piazza San Prospero (detta anche dai cittadini Piazza Piccola) sulla quale sorge la Chiesa di San Prospero, antico vescovo di Reggio Emilia a cui i reggiani son molto devoti.
  • Il Musei Civici suddivisi in varie sezioni: Museo Spallanzani di Storia Naturale, Museo di Paletnologia Gaetano Chierici, Galleria dei marmi, Museo di Reggio in età romana, Pinacoteca Antonio Fontanesi.
  • Il teatro municipale Romolo Valli di stampo neoclassico, centro della vita culturale della cittá.

Parma

Parma venne fondata nel 183 a.C. sull’antica Via Emilia, la via romana consolare realizzata tra il 187 e il 175 a.C a collegamento delle città di Rimini e Piacenza. La nuova fondazione romana si sovrappose ad un preesistente insediamento celtico. La città vive ancora allungata sull’antica Via Emilia (attuale Strada della Repubblica e Strada Mazzini) e nonostante le varie fasi architettoniche si può dire che essa continui in prevalenza a vivere in due fasi temporali: quello medievale e quello settecentesco e neoclassico. Al primo periodo storico infatti si ascrivono i suoi monumenti meglio noti, il complesso formato dalla Cattedrale, dal Battistero e dal Palazzo del Vescovado, al secondo periodo invece si rifà la grande sistemazione della città voluta prima dai Borboni e dall’amministrazione francese e successivamente da Maria Luigia d’Austria (1815-1847), la sovrana che volle dare a Parma un volto europeo e che la pianificò in modo armonioso ed equilibrato creandone al contempo un ricetto di cultura e arte.

Indicazioni stradali

Da non perdere a Parma

  • La Piazza della Cattedrale e del Battistero. Merita una visita anche il Museo archeologico adiacente, sorto nell’area del Palazzo del Vescovado (con un unico biglietto si possono visitare tutti questi monumenti).
  • Piazza Garibaldi con gli splendidi edifici che qui si affacciano: il Palazzo del Governatore, il Palazzo del Podestá (o Palazzo Fainardi), il Palazzo del Comune e la Chiesa di San Pietro.
  • Lo splendido complesso del Palazzo della Pilotta che si può ammirare nella sua interezza dalla piazza antistante chiamata Piazza della Pace. L’imponente costruzione oltre che all’interessante aspetto architettonico ospita al suo interno: il Museo Archeologico Nazionale, la Biblioteca Palatina, il Museo Bondoniano, la Galleria Nazionale e il Teatro Farnese.
  • Il Teatro Regio di stampo neoclassico e voluto dalla Duchessa Maria Luigia d’Austria che rappresenta una esemplificazione del teatro all’italiana ed è un altro dei monumenti simbolo di questa città.

Modena

Modena era in origine una antica città dei Liguri e dopo l’occupazione romana divenne un importante centro commerciale. Fiorisce nel medioevo sotto la dominazione dei Canossa e a questo periodo risalgono i monumenti più famosi presenti nella città. In periodo più recente fu un centro agricolo, commerciale e industriale oltre che essere un importante nodo stradale.

Indicazioni stradali

Da non perdere a Modena

  • Il Duomo di origine medievale che conserva importanti sculture coeve e la Ghirlandina ovvero la torre campanaria.
  • Il Palazzo Ducale seicentesco e ora sede della rinomata Accademia Militare.
  • Il Palazzo dei Musei che conserva al suo interno: la Galleria Estense, il Museo Civico archeologico etnologico, il Museo Civico del Risorgimento, il Museo e medagliere estense, la Galleria Campori e la Galleria Poletti.
  • Annessi agli istituti universitari si possono visitare anche il Museo di mineralogia, quello di anatomia, quello di zoologia e di paleozoologia degli invertebrati.

Bologna

Il suo territorio, a vocazione fortemente agricola, ospitò fin dall’antichità popolazioni dedite ad attività agresti: i Villanoviani, gli Etruschi, i Galli Boi e infine i Romani che ne fecero un Municipio nell’88 a.C. Bologna é un centro culturale di grande rilievo da quando, nell’XI secolo, vi fu istituita la prima Università italiana. All’interno delle mura del ‘300 si trova la parte medievale della città. La Città di Bologna merita una visita approfondita: con una mezza giornata si possono vedere molti monumenti dall’esterno e apprezzare la calda e accogliente atmosfera. Tuttavia per poter entrare più in sintonia con gli aspetti storico-artistici che questa città ha da offrire occorre avere a disposizione un pó di più tempo.

Indicazioni stradali

Da non perdere a Bologna

  • Piazza Maggiore contornata da uno splendido scenario di edifici appartenenti ad epoche diverse: il Palazzo del Comune, il Palazzo dei Banchi (nelle cui vicinanze si intravvede la Cupola di Santa Maria della vita), il Palazzo del Podestá, il Palazzo dei Notai e la maestosa Basilica di San Petronio.
  • Piazza del Nettuno dominata dalla fontana rinascimentale e nelle vicinzanze il Palazzo di Re Enzo.
  • Palazzo Galvani dove viene ospitato il Museo Civico Archeologico. Nello stesso palazzo é presente anche il Museo Civico Medievale e del Rinascimento.
  • Il Palazzo dell’Archiginnasio di realizzazione rinascimentale che ospita oggi la Biblioteca Comunale.
  • Piazza San Domenico che ha nello sfondo San Domenico, culla dell’ordine dei Predicatori e custode delle spoglie del suo fondatore.
  • Piazza della Mercanzia dominata dalla Loggia dei Mercanti.
  • Piazza di Porta Ravegnana nella quale si incontrano le due Torri simbolo di Bologna: la Torre degli Asinelli e la Garisenda.
  • L’Accademia di Belle Arti e la Pinacoteca Nazionale.



Newsletter

Inserisci l'email per ricevere gratis i nuovi articoli una volta alla settimana.