Produrre i semi da orto

Marc

Voglio essere più autonomo possibile nella produzione delle mie verdure e i loro semi.

Non mi piace comprare piantine per l’orto già pronte. Non ha senso di comprare 4 piantine di insalata per 1,99€ o piante grosse di pomodoro innestate a 3,50€. Per produrre i semi si inizia con semi non ibridi da quale si possono tenere i semi per il prossimo anno.

Fare i semi è relativamente semplice

Lascio andare in fiore alcune piante di insalata e biete da costa per i semi e lascio alcune zucchine ad ingrandire e maturare. Si preservano abbastanza bene durante l’inverno e finiscono nelle minestre e metto a seccare i semi su un pezzetto di cartone. Tengo anche i semi delle zucche. I semi in più sono anche buoni da mangiare come spuntino.

Pomodori

I semi dei pomodori lascio fermentare per 1 o 2 giorni nel loro viscido liquido acquoso. Il fermentare toglie le viscidità e cosi sono più facili da lavare in un setaccio e a far seccare su un pezzetto di stoffa. Dopo alcuni giorni si tolgono facilmente dal pezzetto di stoffa. Non uso i pezzetti di carta perché i semi non si tolgono. Dopo metto i semi in un sacchettino di carta riciclato dallo zucchero o la farina e scrivo la descrizione e l’anno.

È utile produrre tanti pomodori da mangiare freschi, da fine luglio a ottobre, e da preservare negli vari modi: sugo, pezzi interi sotto vuoto, sugo pronto con carote e cipolle, seccati.

È importante iniziare con i semi non ibridi, non F1, non geneticamente modificati e non devi prendere i semi da piante d’orto innestate o da verdure del supermercato. Una volta ho piantato i semi di un pomodoro comprato al supermercato. Cresceva una pianta bellissima, ma tutti i fiori si seccavano e la pianta ha fatto nessun pomodoro.

Cavoli

I semi dei cavoli sono facili da fare (anche se i cavoli si incrociano). Un anno ho fatto 2 chili di semi di cavoli che si possono anche usare per fare germogli per l’insalata. Buonissimi e un po’ piccanti.

Zucchine e Zucche

Si creano incroci di zucchine uniche. Mi piace quando ci sono delle belle sorprese con forme e colori e gusti diversi dal solito.

I vari tipi di zucca appartenendo alla stessa famiglia si possono incrociare con varianti di farinosità dolcezza, compattezza, colore e forma.

Aglio

Normalmente si piantano gli spicchi d’aglio per creare nuove piante d’aglio che saranno esatte copie della pianta originale nel senso genetico. Non cambia nulla se usi uno spicchio interno o esterno dell’aglio. L’unica cosa che potrebbe avere una influenza è che gli spicchi interni sono più piccoli e avranno uno sviluppo meno veloce e saranno meno grossi.

L’aglio fa anche bulbi e fiori in cima al suo stelo, ma non sempre. I mini bulbi che si formino in alto sono anche geneticamente uguali (cloni). Fra questi mini bulbi si possono formare dei fiori veri. Se togli i mini bulbi fra i fiori veri, questi possono produrre dei piccoli semi neri (simile ai semi del porro o della cipolla). Con questi semi puoi crearti il tuo variante di aglio adatto al tuo territorio. Se ti piace un certo tipo di aglio lo puoi duplicare facilmente piantando solo gli bulbi.

Visto che l’uomo da millenni ha duplicato l’aglio con i bulbi, la pianta non sa quasi più come riprodursi con i semi. Anche le galline nascono da decenni in una covatrice elettrica col risultato che non sanno più covare e fare la chioccia. Una evoluzione guidata dall’uomo che crea dipendenza all’uomo.

Porri